Focus sulle prove orali nei concorsi

controlloLe prove orali dei concorsi pubblici sono sottoposte a specifiche regole di validità, a tutela dell’imparzialità della prova e della trasparenza delle operazioni concorsuali.

Prove orali a porte chiuse, giudizi di inidoneità immotivati e assenza di istruttoria del procedimento possono pregiudicare la validità della prova.

Alcune possibili violazioni sono riscontrate dalla giurisprudenza.

Ad esempio, l’art. 6, comma 4, del D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487, prevede in generale che: “Le prove orali devono svolgersi in un’aula aperta al pubblico, di capienza idonea ad assicurare la massima partecipazione”. Nello stesso senso si pongono anche gli artt. 7, comma 5, e 16, comma 2, del D.P.R. 220/2011.

Queste previsioni normative tutelano l’interesse qualificato di ciascun candidato a presenziare alle prove degli altri candidati, ivi compresa l’estrazione a sorte dei quesiti, al fine di verificare di persona il corretto operare della commissione e l’assenza di parzialità  nei propri confronti.

Il ricorso alle porte chiuse, consentendo l’entrata dei candidati uno per volta può violare di fatto i principi universalmente richiesti di trasparenza e buon andamento della P.A.

Altre questioni che meritano di essere verificate sono la predisposizione dei criteri di valutazione e la scelta delle domande.

***

Stiamo ricevendo diverse segnalazioni, su prove concorsuali, come nel caso di recenti concorsi della società AMAT Palermo s.p.a.

Per ogni eventuale informazione in merito potete scriverci a info@avvocatolamalfa.it anche tramite l’area Sottoponi il tuo caso.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn